fbpx
Quanto è importante la dominanza cerebrale?
Beatrice Rallo
Nov 21, 2021
Vuoi imparare una lingua ma non ti senti in grado di farlo? Leggi questo articolo per trovare la motivazione di cui hai bisogno
Quanto è importante la dominanza cerebrale?
Beatrice Rallo
Nov 21, 2021
Vuoi imparare una lingua ma non ti senti in grado di farlo? Leggi questo articolo per trovare la motivazione di cui hai bisogno
Rate this post

 Quanto è importante la dominanza cerebrale?

Lo sapevi che l’acquisizione di una lingua coinvolge le funzioni di entrambi gli emisferi? L’emisfero sinistro in quanto è la sede dell’elaborazione linguistica e l’emisfero destro, invece, in quanto alla comprensione connotativa. Da una parte il nostro cervello studia il significato delle parole (emisfero sx) e dall’altra, analizza il loro contesto (emisfero dx).

Come funziona il nostro cervello?

Il nostro cervello ama le sfide.

Imparare qualcosa di nuovo, difatti, lo è a tutti gli effetti; e non solo il nostro cervello è preparato per accettarle, ma anche il nostro corpo. In pratica, nel momento in cui scegliamo la strada della sfida aumenta il flusso sanguigno e l’energia a disposizione così da poter facilitare il raggiungimento del nostro obiettivo. Però amiamo solo le sfide che si trovano all’interno di una difficoltà ottimale, se così non fosse, metteremmo a repentaglio la nostra motivazione e proveremmo frustrazione. 

L’input non deve essere né troppo difficile né troppo facile. Per questa ragione l’insegnante di lingua ha un ruolo molto importante nella selezione ed elaborazione delle unità didattiche. Queste dovrebbero stimolare entrambe le modalità del cervello così da poter sfruttare la potenzialità di acquisizione dell’allievo e coinvolgere l’intera mente senza ostacolare la motivazione e il filtro affettivo.  Per capire quanto conti la dominanza cerebrale è importante sapere che il nostro cervello segue il principio della direzionalità, ovvero, le informazioni vengono elaborate dall’emisfero destro verso l’emisfero sinistro, pertanto dalle modalità sensoriali e contestualizzanti a quelle più formali e meccaniche. In altre parole, dal punto di vista della glottodidattica, si parte dallo studio concettuale di un dialogo per poi passare allo studio delle sue strutture grammaticali.

Perciò, se sei emisfero sinistro dominante o emisfero destro dominante non ha importanza. Siamo tutti portati all’apprendimento e all’acquisizione di una lingua, certo, c’è chi è più portato e chi meno. Ma quel che conta è aver fiducia in se stessi e nel proprio  insegnante.

 

Una persona predisposta verso l’emisfero sinistro:

  • È più propensa a comunicare verbalmente
  • Ha un repertorio lessicale ricco
  • Ha maggiore capacità di memorizzare strutture grammaticali
  • Riconosce il suono dei fonemi
  • Preferisce compiti logici
  • Non discerne gli elementi prosodici del linguaggio (tono, accento, intonazione)

Una persona predisposta verso l’emisfero destro:

  • È meno propensa a parlare correttamente e più propensa ad usare la comunicazione corporea (gesto, espressioni del viso, ecc.)
  • Ha un repertorio lessicale scarso
  • Ha maggiori capacità di memorizzare concetti
  • Difficilmente riconosce i suoni verbali
  • Preferisce compiti intuitivi
  • Ha un controllo elevato degli elementi prosodici del linguaggio (tono, accento, intonazione)

Pinciples and Practice in Second Language Acquisition

Categorías: Non categorizzato
Etiquetas:

TE PUEDE INTERESAR

5 Commenti

  1. Boitek

    Interesantissimo 👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻

    • Beatrice Rallo

      Grazie Boitek, è frutto di quel che ho appreso nei corsi di formazione in cui ho assistito di recente.

  2. נערת ליווי

    Itís difficult to find knowledgeable people in this particular subject, however, you seem like you know what youíre talking about! Thanks

  3. Psychic Parties

    Thank you for the auspicious writeup. It in fact was a amusement account it. Look advanced to more added agreeable from you! By the way, how can we communicate?

Invia un commento